Saldatori e verniciatori, perché proteggersi dal (subdolo) piombo

Non sempre l’infertilità maschile è riconducibile a una causa precisa. Sono molti i casi in cui il problema può essere legato a vari fattori. Una parte importante del capitolo dell’infertilità maschile da causa poco conosciuta è sicuramente quella legata all’esposizione occupazionale a sostanze tossiche, come il piombo.

Gli effetti negativi del piombo sulla fertilità maschile coinvolgono molti meccanismi, molti dei quali ancora poco chiari. Per provare a diradare le nebbie, la domanda che la comunità scientifica si sta ora ponendo è la seguente: l’azione del piombo prevale a livello ormonale o incide direttamente a livello degli organi genitali? O, ancora, si tratta di un’azione combinata su entrambi i livelli?

Alcuni ricercatori hanno provato a dare una risposta a questo quesito attraverso una review di articoli pubblicata sulla rivista Iranian Journal of Reproductive Medicine (https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/24487096).

Dalla ricerca emerge che gli effetti del piombo sulla fertilità variano a seconda del tempo e della dose di esposizione. Secondo i ricercatori, alte dosi in poco tempo avrebbero una azione principalmente sugli organi genitali, provocando così un danno diretto alle cellule. Basse esposizioni in tempi prolungati andrebbero invece ad alterare l’asse ormonale che collega ipotalamo, ipofisi e testicolo.

Il lavoro si conclude prospettando ulteriori ricerche, in particolar modo per quanto riguarda l’esposizione a bassi livelli di piombo e i meccanismi di alterazione della fertilità. Nell’attesa va senz’altro fatto un appello a saldatori, verniciatori, muratori: indossate le dovute misure di sicurezza, il vostro benessere vi ringrazierà.


di Vincenzo Morgera e Gianluigi Califano

2018-06-26T14:07:14+00:00