Il sesso è un toccasana, conferma da uno studio americano

Gli uomini con peggiore funzione sessuale hanno un maggior rischio di sviluppare il tumore della prostata. Lo ha recentemente dimostrato uno studio condotto da un gruppo di ricercatori americani pubblicato sull’”Asian Journal of Andrology“. Per la prima volta gli studiosi hanno messo in correlazione la funzione sessuale maschile, misurata mediante un questionario specifico denominato Epic (Expanded Prostate Cancer Index Composite), e il rischio di tumore alla prostata. Lo studio ha coinvolto 448 uomini e ha dimostrato una correlazione inversa tra le due variabili. In particolare, il rischio di tumore della prostata aumenterebbe del 9% per ogni 10 punti in meno in termini di funzione sessuale.

L’associazione è stata dimostrata solo per le neoplasie aggressive ed è risultata evidente sia nei soggetti caucasici che in quelli di etnia afro-americana, notoriamente più a esposti al rischio di sviluppare tumori prostatici. L’associazione è risultata inoltre indipendente da età, fumo di sigaretta, indice di massa corporea, diabete, malattie cardiovascolari. Le ragioni che legano una scarsa funzione sessuale al maggior rischio di sviluppare il tumore alla prostata sono al momento ancora ignote, sebbene si ipotizzi un ruolo svolto dagli ormoni. I risultati di questo studio vanno considerati preliminari, tuttavia, se confermati, potranno consentire di alzare la soglia di attenzione su tutti i maschi a rischio di per il tumore alla prostata in quei maschi che riferiscono una ridotta funzione sessuale.

2018-05-23T23:51:01+00:00